alice lifestyle leonardo marcopolo

“Paste cresciute” (o Zeppole Salate)

 

Questa ricetta ha origini molto antiche nella tradizione campana; ne parlava, infatti, già Ippolito Cavalcanti nel suo scritto “Cucina Teorico-Pratica”, nel 1837:

“Piglia doje rotola de pasta de pane bona cresciuta, nge miette doje musurella d’uoglio fenissimo, no poco de’ sale e pepe, e la menarraje co lo puzo quanto chiu se po’, e la miette a crescere n’auta vota: quanno vide, che s’è tutta crepata, la pasta già, la tuorne a menà e la sbattarraje purzì comme se fa lo sfuglio a la franzese, e ne faciarraje 24 purzione socce socce, l’ammacche co la mano tonne tonne, e mmiezo nge miette assaje alice grosse scaudate, senza le spine, e ammarenate co uoglio sale e pepe, e ncuoppa nge miette l’auta pezzella, l’astrigne tuorno, tuorno e p olle ffrije rosse, rosse.”

 

Attualmente, le paste cresciute sono considerate un cibo da strada, o, come si dice ai giorni nostri, uno street food, servite nel famoso cuoppo, un cono di carta assorbente di colore giallo.

Ecco qui di seguito la ricetta.

INGREDIENTI:

400g Farina

25g Lievito di Birra

10g Sale

q.b. Olio per friggere

PROCEDIMENTO:

in una terrina sciogliete il lievito con un poco di acqua tiepida quindi aggiungete la farina, il sale e tanta acqua tiepida in modo da ottenere un impasto cremoso e fluido. Lavorate energicamente questa pastella e ponete la terrina coperta con un panno o un canovaccio in un luogo caldo a lievitare per circa due ore. Quando sulla superficie si vedranno tante bollicine allora l’impasto è giunto a lievitazione.

Prendete una padella, versate l’olio e ponetela sul fuoco, quando sarà bollente versate  la pastella a cucchiaiate e friggete fino a quando le zeppolelle saranno dorate.

Potete gustarle sia semplici che con alici salate, con i fiorilli (fiori di zucca), cicenielli (bianchetto), o lattuga di mare.

Servire calde con un pizzico di sale.

Commenti