PANE APRICENESE FATTO IN CASA

PANE APRICENESE FATTO IN CASA1

PANE APRICENESE FATTO IN CASA4PANE APRICENESE FATTO IN CASA2  PANE APRICENESE FATTO IN CASA3 PANE APRICENESE FATTO IN CASA-BIGA

Il nostro pane casereccio si contraddistingue per due motivi: primo per il formato (pagnotta rotonda da 1 o 2 kg), secondo per il sapore (si presta ad essere consumato a tavola anche senza companatico). Per fare questo pane ci vuole tempo, pazienza ma soprattutto tanta passione. L’impasto va lavorato con le mani affinché nel giro di una ventina di minuti da grezzo si trasformi in pasta di seta. Ma ora è tempo di trasformarci in panettieri provetti, vediamo come:

Ingredienti
per la biga, o preimpasto

• 100 gr di farina 00
• 75 gr di acqua
• 1 gr di lievito di birra

per l’impasto

• 500 gr di farina 00
• 350 gr di acqua
• 10 gr di sale
• 5 gr di lievito
• 3 pugni di farina a parte

Preparazione

Prepariamo il pre-impasto:
In una ciotola impastiamo gli ingredienti del pre-impasto o biga e poniamolo a lievitare in un recipiente chiuso per 15/20 ore.
Trascorso questo tempo prepariamo l’impasto del pane:
Mettiamo in una ciotola metà dell’acqua e sciogliamoci il lievito di birra, uniamo il pre-impasto, circa un terzo della farina e il sale.
Lavoriamo fino a quando l’impasto non sarà ben amalgamato.
Uniamo la parte di farina restante alternandola all’acqua rimasta.
Continuiamo a lavorare fino a quando non sarà ben incordato.
A questo punto iniziamo a fare le pieghe (aiutandoci possibilmente con una spatola) e portando la parte esterna verso il centro, così per tutto il panetto.
Prendiamo l’impasto e mettiamolo in una ciotola unta di olio a lievitare per circa 3 ore coperto con della pellicola.
Trascorso il tempo stabilito, riprendiamo l’impasto e dopo aver spolverato il piano con abbondante farina, stacchiamo l’impasto dalla ciotola e capovolgiamolo. A questo punto lavoriamo l’impasto con le mani affinché nel giro di una ventina di minuti da grezzo si trasformi in seta sotto le mani. Maneggiare l’impasto aiuta a capirlo ed è un passaggio fondamentale per ogni aspirante panettiere.
Quindi rifacciamo il movimento eseguito in precedenza, capovolgiamo l’impasto e teniamolo tra le mani, cerchiamo di formare una palla che metteremo a lievitare in ambiente mite e asciutto ancora per 1 ora in un capiente cesto di vimini rivestito al suo interno da un canovaccio spolverizzato di abbondante farina e ricoperto.
Trascorsa questa ultima ora di lievitazione accendiamo il forno a 220/230 gradi e inforniamo. Dopo 10 minuti abbassiamo la temperatura a 200 gradi e lasciamo cuocere il nostro pane per altri 30/40 minuti.
Sforniamo e lasciamo raffreddare prima di affettarlo.

Commenti