alice lifestyle leonardo marcopolo
Ratatouille1

Ratatouille

Per non sentirsi affamati in ufficio, senza però dover eccedere con grassi e condimenti, ecco un’altra delle dieci idee per mantenere la linea (anche durante la pausa pranzo) che non solo sazia ma aiuta anche a bruciare grassi, dando contemporaneamente il giusto slancio per affrontare il pomeriggio carichi di energia. La ratatouille è un piatto tradizionale provenzale. Era originariamente un piatto per contadini poveri, preparato in estate con verdure fresche. L’originale ratatouille  non conteneva le melanzane non essendo reperibili nello stesso periodo dell’anno altre verdure. Gli ingredienti originari della ratatouille tradizionale sono  pomodori,  zucchine, peperoni, cipolle ed aglio. Si possono aggiungere anche alcune erbe e basilico. La ratatouille, o caponata può essere servita come piatto a sé stante, oppure accompagnata da riso, patate, o semplice pane. Può essere preparata in anticipo e consumata anche fredda.Ratatouille2

Ingredienti e dosi per 6 porzioni

  • 4 pomodori freschi
  • 4 melanzane
  • 6 zucchine
  • 4 peperoni
  • 4 cipolle
  • 2 spicchi d’aglio
  • 150 gr di olive verdi o nere denocciolate
  • basilico
  • timo fresco
  • prezzemolo
  • olio Evo
  • sale
  • pepe (facoltativo)

Procedimento

Tagliate le melanzane a cubetti, salatele e lasciatele mezz’ora in uno scolapasta affinché perdano l’acqua amara. Scottate i pomodori in acqua bollente, pelateli, eliminate i semi e tagliateli a dadini. Affettate le cipolle e le zucchine. Riducete i peperoni a tocchetti dopo aver eliminato peduncoli, semi e filamenti. Unite gli spicchi d’aglio e le olive. Scaldate 1/2 bicchiere d’olio in una casseruola e fatevi appassire le cipolle e l’aglio, che, dopo toglierete. Salate, pepate, unite le altre verdure, qualche fogliolina di timo e cuocete a fuoco moderato e a pentola scoperta per circa 40 minuti. Al termine aggiungete le olive, 2 cucchiai di prezzemolo tritato e una manciata di foglie di basilico spezzettate. Versate la ratatouille in una zuppiera e servitela preferibilmente tiepida, ma è buona anche fredda.

Commenti