alice lifestyle leonardo marcopolo
IMG_1416aa

Marmellata di arance

Anche quest’anno come tutti gli anni Roberto, il mio fruttivendolo di fiducia mi ha portato le sue arance, fresche, succose e soprattutto non trattate, perfette per preparare qualche vasetto di marmellata. Per la preparazione ho seguito i consigli di Camilla, ma come alternativa vi propongo anche un’altra ricetta altrettanto valida. A voi la scelta!

Se anche voi state pensando di fare altrettanto prima di iniziare assicuratevi di avere ottime arance, visto che per questa marmellata dovrete utilizzare anche la buccia e di sterilizzare i barattoli che conterranno la nostra marmellata. Poche regole ma fondamentali per avere un risultato sicuro e duraturo.

Come sterilizzare i barattoli di vetro:

1) In acqua

Sistemare i vasetti di vetro in una pentola capiente, passare poi intorno uno o più canovacci perchè non si rompano durante la bollitura. Riempire di acqua e far bollire per 30 minuti, spegnere e lasciarli intiepidire. Quindi scolarli e metterli capovolti su un panno pulito ad asciugare.

2) In forno

Mettere i vasetti di vetro nel forno preriscaldato a 110°C  per 10-15 minuti.

 3) Nel microonde

Riempire per circa metà di acqua i vasetti e accendere al massimo della temperatura, lasciare riscaldare fino ad ebollizione. A questo punto spegnere, gettare l’acqua e lasciare asciugare i barattoli capovolti su un canovaccio.

Consiglio sempre di sostituire i coperchi e le guarnizioni di gomma ad ogni uso, per garantire una chiusura ermetica del vasetto.

IMG_1416aa

 

Marmellata di arance di Camilla

Ingredienti 

1 kg di polpa di arance non trattate

500 g di zucchero

1 limone

1 bicchierino di rhum (facoltativo)

 

Preparazione

1. Lavare benissimo la frutta con una spugnetta e con un pela patate togliere la buccia di metà arance. Tagliarle poi a striscioline e metterle in un pentolino con pochissima acqua fredda e portarle a bollore. Scolarle e ripetere questa operazione per tre volte (servirà a  far perdere l’amaro alla buccia), ogni volta vanno scolate e messe in acqua fredda. Tenere da parte.

SAM_5485SAM_5488

2. Pelare a vivo tutte le arance e raccogliere la polpa (privata dai semi) e il succo in una ciotola.

SAM_5478

3. Pesare la polpa e per ogni kg di frutta pulita aggiungere 500 g di zucchero, mettere tutto in una pentola aggiungere il succo delle arance e del limone e cuocere per 20-30 minuti. Unire a questo punto le zeste, il rhum e continuare la cottura per altri 20 minuti circa. Per essere sicuri fare la prova del piattino: mettere un cucchiaio di marmellata su un piattino e se scivola lentamente è pronta. Considerate comunque che la marmellata raffreddandosi diventerà più densa.

SAM_5493

 

4. Spegnere e invasare subito in barattoli sterilizzati, chiudere bene il coperchio e capovolgere i barattoli a testa in giù per ottenere il sottovuoto.SAM_5506

 

Marmellata di arance di Marisa (mia cognata)

Ingredienti

arance non trattate

zucchero

Preparazione

1. Lavare la frutta e con una forchetta bucherellare tutte le arance, metterle per tre giorni immerse in acqua fredda, avendo cura di cambiarla almeno tre volte al giorno.

2. Trascorso il tempo, sbucciare le arance, mettere le bucce all’interno di un robot da cucina e tritare grossolanamente. Versare poi in una pentola gli spicchi privati di eventuali semi e aggiungere per ogni kg di polpa 750 g di zucchero. Portate a bollore e cuocere a fiamma bassa mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Dopo una ventina di minuti aggiungere le scorzette tritate e continuare a cuocere fino a quando non si sarà addensata.

3. Anche in questo caso per essere sicuri che la densità sia quella giusta, consiglio di versare una cucchiaiata di marmellata su un piattino, se scorre leggermente, è pronta. Spegnere il fuoco e versare in barattoli sterilizzati, chiudere il tappo e capovolgere il barattolo per avere il sottovuoto.

IMG_1420aa

 

Se ti piacciono le mie ricette e vuoi seguire il mio blog vieni a trovarmi sulla mia fan page di facebook. Clicca “mi piace“ e ogni giorno puoi essere aggiornato sulle ultime ricette e per chiedere qualsiasi chiarimento.

 

 

Commenti