Frutta fritta caramellata

frutta fritta caramellata

La frutta fritta caramellata viene servita solitamente come fine pasto o dessert nei ristoranti cinesi: si tratta di pezzi di frutta passati in una pastella leggera e spumosa, fritti e poi intinti in un goloso caramello bruno.
Potete preparare la frutta fritta caramellata con la frutta che preferite, meglio se di stagione: noi abbiamo utilizzato mele, pere e banane.
Visto che Carnevale si avvicina, la frutta fritta caramellata può essere uno dei dolci che andranno ad arricchire i buffet delle vostre feste!

Difficoltà: Molto bassa
Cottura: 15 minuti
Preparazione: 30 minuti

Ingredienti per circa 38 pezzi di frutta
Mele 2
Pere 2
Banane 2
Succo di 1 limone

Per la pastella
Uova 2
Farina 00 g. 150
Sale 1 pizzico
Acqua ml. 200
Lievito chimico in polvere 1 bustina
Olio di semi per friggere

Per il caramello
Zucchero semolato g. 500
Acqua ghiacciata

Procedimento
Per preparare la frutta fritta caramellata, lavate e pelate le mele, le pere e le banane;
tagliate le mele e le pere in quarti, togliendo il torsolo, quindi tagliate i 4 pezzi ottenuti a metà. Dividete le banane in tre pezzi. Mettete i pezzi di frutta in una ciotola e cospargeteli con del succo di limone per evitare che si anneriscano e dedicatevi alla preparazione della pastella.
Dividete i tuorli dagli albumi e tenete questi ultimi da parte. Sbattete i tuorli con l’acqua e aggiungete anche la farina e il lievito setacciati. Sbattete bene con una frusta per evitare la formazione di grumi.
Montate gli albumi a neve ferme con un pizzico di sale e uniteli alla pastella delicatamente, mescolando dal basso verso l’alto, per non farli smontare.
Mettete l’olio di semi a scaldare in una pentola capiente e, quando sarà pronto, intingete ogni pezzo di frutta nella pastella, ricopritelo interamente e immergetelo nell’olio bollente.
Quando la pastella sarà ben dorata, scolate la frutta fritta dall’olio e fatela asciugare su un vassoio con carta assorbente. Una volta fritta la frutta, preparate il caramello: in un pentolino d’acciaio dal doppio fondo, aggiungete lo zucchero semolato un cucchiaio alla volta nel pentolino e fatelo sciogliere lentamente a fuoco basso, senza mescolare ma ruotando delicatamente il pentolino. Dovrete ottenere un caramello bruno (la temperatura deve oscillare tra i 166°- 175°, aiutatevi con un termometro per alimenti).
Quando il caramello sarà pronto, infilzate ogni pezzo di frutta fritta con uno stuzzicadenti e intingetelo velocemente nel caramello. Scolate il caramello in eccesso e immergete il pezzo di frutta nell’acqua ghiacciata, che avrete predisposto in una ciotola, per far solidificare il caramello. Sistemate la frutta fritta caramellata su un piatto da portata e servite.

La frutta fritta caramellata si può conservare per un giorno al massimo, altrimenti il caramello assorbe umidità e diventa molle. Si sconsiglia la congelazione.

Io adoro la frutta fritta, in particolare la banana: una volta me l’hanno portata avvolta nello zucchero semolato invece che nel caramello, mi sono leccata i baffi per una settimana! Vi consiglio assolutamente di provare, anche con lo zucchero di canna. Altra variante per incantare i vostri ospiti: caramello arricchito con semi di sesamo, bello da vedere e delizioso da gustare.

Commenti