alice lifestyle leonardo marcopolo

La Tarte Tatin

Questo delizioso dolce francese,nato da un errore prende il nome da Caroline e Stephanie Tatin,due sorelle che gestivano un Hotel à Lamotte-Beuvron, in pratica sembra che nel preparare in tutta fretta una crostata di mele,inforno’ le mele dimenticandosi della pasta,così quando se ne accorse rimediò disponendo la pasta sopra infornando nuovamente e quando fu cotta la rovesciò ,il risultato fu questa apprezzatissima torta che ha questa fragrante sfoglia che accompagna le dolci mele caramellate.Da provare assolutamente,è facile da preparare e sono certa che l’apprezzerete molto anche voi,consiglio di gustarla  calda accompagnata da gelato,il risultato del contrasto è eccezionale !

Ingredienti per 6 : 150 grammi di burro  –   125 grammi di zucchero semolato – 1 chilo di mele del tipo farinoso, sbucciate e tagliate in spicchi grandi – 1 limone –  circa gr 250  di pasta  brisée
 Procedimento :Prendete un tegame dai bordi abbastanza alti che poi userete come teglia da mettere in forno  di  25 cm di diametro.
Ungete lo stampo con circa 150 grammi di burro e cospargetelo in seguito con 125 grammi di zucchero semolato.
Passate le mele nel limone e  disponetele  sul fondo della teglia fianco a fianco riempiendo tutti gli spazi.Prima le mettete con la parte convessa verso la base della teglia. Versate lo zucchero e poi fate un altro strato con la parte convessa in su. Così tutti gli spazi dovrebbero riempirsi ma va bene anche in un solo strato
Cuocetele a fuoco basso per 10 a 15 minuti, finchè burro e zucchero non cominciano a caramellare e  lo sciroppo diventa biondo). Togliete dal fuoco e mettete in forno a 200 °, circa per circa 15 minuti
Estraete la teglia e lasciate intiepidire un poco,poi coprite le mele con un disco di pasta brisèe,adagiato morbidamente ed inserendo i bordi verso il basso tutt’intorno.
Rimettete in forno la torta per circa un quarto d’ora, o venti minuti,  finchè la pasta sarà cotta.
Dopodichè una volta sfornata capovolgete subito  la Tarte Tatin rovesciandola su di un piatto da portata prima che il caramello raffreddi e attacchi sul fondo
Servite calda o a temperatura ambiente.

 

Commenti