alice lifestyle leonardo marcopolo
PA310069 copia 1

Agnello in pasta di mandorle o frutta martorana

La “Commemorazione dei Defunti”, nella tradizione palermitana, è una ricorrenza molto importante. Sono tanti i dolci che si producono proprio in occasione di questa festa, soprattutto quelli fatti con la pasta di mandorle, da noi detta “martorana” dal nome di una chiesa, quella di Santa Maria dell’Ammiraglio o Martorana, appunto, con annesso un monastero benedettino fondato da una nobildonna, Eloisa Martorana nel 1194; le suore dell’epoca producevano questi dolci, chiamati frutta martorana, perchè all’origine veniva data loro esclusivamente la forma di frutta. Col tempo la pasta di mandorle ha acquisito forme sempre più belle e dettagliate, e addirittura, durante la Pasqua, con la martorana si realizzano gli agnelli sacrificali, come quello che, appunto, vi propongo oggi e che ho realizzato esclusivamente a mano, senza l’ausilio di stampi, in occasione del compleanno di un’estimatore dell’agnello di pasta di mandorle.

PA310063 b

Ingredienti:
1kg. di Pasta di Mandorle
attrezzi per modelling
colori alimentari in polvere: nero, rosso, arancione
alcool puro per diluire i colori
pennelli in setola naturale sottilissimo, medio e grande
Procedimento
Tagliare 2/3 della pasta di mandorle a disposizione e iniziare a dare la forma  decidendo la giuste proporzioni tra la testa da modellare ed il resto del corpo. Aiutarsi con gli attrezzi per modelling per lisciare e togliere le parti in eccesso e per migliorare i dettagli. Aggiungere dei pezzi di pasta per modellare la zampa anteriore a riposo, e continuare dando forma allo zoccolo, quindi modellare la coda, la pancia, la zampa posteriore, la parte posteriore; aggiungere un altro pezzo di pasta per la zampa anteriore posta sotto al corpo, e completare lisciando bene ogni parte ed ogni piccolo dettaglio, dando la giusta rotondità e profondità. Con una punta per pasticceria rigata, segnare tutto il corpo con strisce tipo esse, quindi iniziare ad aggiungere i dettagli del vello, formando dei sottilissimi cordoncini, arrotolandoli su se stessi ed attaccandoli alle varie parti del corpo. Sempre con la pasta di mandorle fare una campanella ed un nastro per legarla al collo dell’agnello,  quindi completare i cordoncini di lana sul vello. A conclusione colorare con colori alimentari diluiti nell’alcool puro in piccole dosi.
collage 1
collage 2
collage c
Consigli
Potete realizzare la frutta martorana anche senza utilizzare necessariamente degli stampi, così come ho fatto io; potete vederne qualche esempio nella foto sottostante, perchè vi possano dare lo spunto, per poi dare libero sfogo alla vostra fantasia. Potete notare i vari soggetti al naturale, e gli stessi dopo la colorazione. Come descritto nella premessa dell’articolo, la pasta di mandorle è utilizzata per realizzare soggetti diversi, frutti, molluschi, ortaggi, eccetera.
collage a

Commenti