alice lifestyle leonardo marcopolo
aceto3

Stracciatella pugliese con julienne di sedano – gocce di Balsamico e cannellini

Per ottenere un buon piatto non bisogna necessariamente utilizzare tantissimi ingredienti. Per questo contest il protagonista e’ L’Aceto Balsamico e per esaltare ancor di più la qualità di quest’ultimo ho preferito associarlo a due ingredienti semplici: il sedano e la stracciatella pugliese.

L’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena conserva una storia fatta di tradizione e tutela e preserva con dedizione le caratteristiche che lo distinguono mantenendole inalterate nel tempo.

Cucina semplicemente

image

image

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione  Acetaia La Tradizione  alla scoperta di questo aceto balsamico invecchiato  almeno 12 anni.

image

aceto1

 Per questa ricetta semplice ma raffinata nel gusto ho utilizzato la stracciatella Pugliese.

La stracciatella è infatti il cuore morbido e burroso della burrata, dal gusto fresco e delicato, prodotto anch’esso a pasta filata è di colore bianco candido.aceto3

Aceto Balsamico “La Tradizione”

Resto incantata nel leggere “la storia “dell’aceto Balsamico ,una storia che si tramanda da generazioni.

Nei tempi passati era la dote per le giovani spose aristocratiche ed era gelosamente conservato nei sottotetto.

Difficilmente veniva dato in dono ma dal 1967 ,un’associazione di appassionati dell’aceto,decidono di divulgare il prodotto,uscendo dai “segreti ” delle soffitte.

Ancora oggi,l’aceto di Modena e Reggio Emilia e’ l’orgoglio delle due città.

C ome si ottiene l’aceto Balsamico?

Dopo la pigiatura dell’uva , i mosti sono sottoposti a cottura in caldaie a cielo aperto

fino a raggiungere una concentrazione dal 3o al 50%.

Dopo un lungo periodo di decantazione ,il mosto cotto inizia una naturale reazione di fermentazione e biosidazzione acetica ad opera di lieviti e aceto batteri.

Il prodotto subisce quindi una fase di trasformazione detta maturazione che e fondamentale per la formazione dei tipici profumi del Balsamico.

Segue poi la fase di invecchiamento durante la quale le caratteristiche del prodotto guadagnano l’ottimale affinamento.

Viene poi conservato in botticelle di legni diversi (rovere ,castagno,gelso ,ciliegio) e ogni legno cede all’aceto una  particolare caratteristica.

con aceto4

L’aceto Balsamico contiene sali minerali e zuccheri e può essere utilizzato come integratore.

Miscelato con acqua ha un potere dissetante .

Il suo vero trionfo è nell’uso a Tavola soprattutto crudo ,magari aggiunto all’ultimo momento per gustare al meglio il sapore e i profumi .

aceto2

Commenti