alice lifestyle leonardo marcopolo
Bocconcini di pollo al frutto della passione

Bocconcini di pollo al frutto della passione con zenzero e curcuma

Semplicissimi e di effetto, questi bocconcini di pollo possono essere un ottimo secondo oppure uno sfiziosissimo antipasto.

Li ho creati con l’intento di presentare una mia ricetta al concorso W il pollo, nella categoria neo sposi, perchè gustosi semplici ma anche molto belli da presentare a tavola, magari in occasione di un invito a cena dei neo suoceri.

Così ho inserito foto e procedimento ed eccomi qua, vincitrice della categoria ed ospite della ormai nota trasmissione Casa Alice per presentare questa mia semplicissima e stravagante ricetta.

Spero vi piaccia. A casa mia ne vanno golosissimi!

Ingredienti per 4 persone:

400 g di bocconcini di petto di pollo

3 cucchiai di farina

2 cucchiai di curcuma

4 frutti della passione

1 noce di burro

Un rametto di rosmarino

1 cm di zenzero fresco

½ bicchierino di cognac

Sale

Pepe rosa in grani

 

Tagliare il petto di pollo in bocconcini e passarli in una terrina dove sono state mescolate la farina e la curcuma.

Bocconcini di pollo al passion fruit

Infarinarli bene e metterli da parte togliendo l’eventuale eccesso di polveri.

Bocconcini di pollo al passion fruit

Tagliare a metà i frutti della passione e raccogliere succo e semi in una ciotola.

Bocconcini di pollo al passion fruit

Frullare leggermente con un mixer per staccare completamente la polpa dai semi e poi filtrare il tutto con un colino.

Bocconcini di pollo al passion fruit

In un tegame sciogliere una noce di burro con un rametto di rosmarino. Rosolarci i bocconcini di pollo e sfumarli con il cognac; portare a termine la cottura. Aggiungere lo zenzero grattugiato ed il succo dei passion fruits. Lasciar insaporire bene ed aggiustare di sale e pepe.

Servirli  ben caldi direttamente nei gusci dei frutti ormai vuoti,  decorati con un rametto di rosmarino e qualche grano di pepe rosa.

 

Bocconcini di pollo al frutto della passione

 

Proprietà intellettuale di Barbara Ciorba del blog Una “tappa” in cucina

Commenti