alice lifestyle leonardo marcopolo
20130419-9008

Visitare Amsterdam durante la stagione invernale

Ogni stagione è buona per visitare una città ricca di fascino e mistero come Amsterdam, la popolare capitale dei Paesi Bassi, meta amatissima da studenti desiderosi di vivere l’atmosfera vivace di una capitale europea da sempre proiettata verso il futuro, e da coloro che invece la scelgono per concedersi qualche giorno di relax facendo una passeggiata nei suoi parchi o magari ammirandola dai suoi canali a bordo di un battello.
Amsterdam cattura e stupisce a prescindere dal periodo in cui si sceglie di visitarla, ma farlo in inverno comporta tutta una serie di novità capaci di rendere l’esperienza ancora più coinvolgente.

amsterdam-battello

Chi ha intenzione di prendere la palla al balzo e scegliere la bella capitale olandese come destinazione per il suo prossimo viaggio, per prima cosa farebbe bene ad occuparsi dell’alloggio. Per farlo il modo più semplice è prenotare un hotel a Amsterdam sul sito di Hotels.com e scegliere la sistemazione ideale a partire dalla tante messe a disposizione dalla piattaforma.

Una volta trovato l’hotel ideale, si è pronti per iniziare la visita. Una visita che, nonostante le temperature certamente più fredde, a differenza del periodo di alta stagione sarà molto più agevole e semplice, complice il ridotto numero di turisti per strada o in fila davanti ai musei.
Le cose da vedere a Amsterdam sono moltissime, motivo per cui sarebbe saggio operare una selezione dei luoghi da non perdere.

zaandam-hotel

Si parte dalla piazza principale della città, ovvero Piazza Dam. Di origine medievale, sulla piazza si affacciano alcuni tra gli edifici più importanti della capitale olandese, come il Palazzo Reale, un bell’esempio di architettura barocca, il Nationaal Monument, la grande colonna eretta a commemorazione delle vittime della Seconda Guerra Mondiale, la Chiesa Nuova e il famoso Museo delle Cere. Addossato alla Chiesa Nuova c’è un grande centro commerciale che durante il periodo natalizio ospita un albero di Natale in formato gigante.

Tra le mete obbligate figurano il Museo di Van Gogh, dedicato al grande e controverso artista che ha rivoluzionato lo stile impressionista arrivando a plasmare un suo gusto molto caratteristico e personale, e la casa-museo di Anna Frank, situata in via Prinsengracht, dove la giovane ebrea-tedesca Anna Frank trascorse due anni, dal 1942 al 1944, nascosta insieme alla sua famiglia mentre il paese era sotto l’oppressione nazista. Nella casa vengono proiettati dei filmati dell’epoca che permettono di ricostruire l’origine di quella tragedia.

Amsterdam non è solo palazzi e musei, e anche in inverno si può godere di belle passeggiate lungo i canali o nei diversi parchi cittadini. Soprattutto dopo una abbondante nevicata, quando questi ultimi si riempiono di bambini e adulti che si sfidano a costruire i pupazzi di neve più belli. I parchi più famosi sono quello di Vondelpark e di Westerpark, che spesso ospitano anche delle piste per il pattinaggio sul ghiaccio.

E a conclusione di una lunga giornata, non c’è niente di meglio di un assaggio della robusta e saporita cucina olandese, con i piatti forti della tradizione come lo stamppot, una sorta di pasticcio, e lo snert, una zuppa di piselli e prosciutto.

Stamppot

Comments

comments